Giardino Terapeutico

I giardini terapeutici appartengono alle terapie olistiche basate sull'integrazione tra il mondo materiale e quello spirituale. All'interno del nostro organismo non esiste scissione tra mente e corpo e il giardino, predisponendo la mente al bello, alla pace e alla quiete è in grado di infondere una sensazione di benessere che comporta un miglioramento generale dello stato di salute.
Esistono diverse motivazioni di carattere intuitivo e scientifico per le quali il giardino è in grado di “curare”.  Aspetti di ordine mistico-religioso, legati al simbolismo tradizionale del giardino come luogo di incontro con il divino e la trascendenza e aspetti filosofici, dove la filosofia è considerata come "amore per la sapienza" e processo a cui è possibile approdare con calma e determinazione. 
Nel giardino è possibile trovare quella solitudine e quel silenzio in grado di collegarci con il nostro lato trascendente creando le condizioni ottimali alla meditazione e alla riflessione. In esso riscopriamo la gioia della condivisione e della collaborazione, del dialogo, abbandonando rabbia, rancori, invidia, aggressività e vizi o abitudini che ci rendono schiavi e di cui spesso non abbiamo coscienza. 

Gli elementi che intervengono nella progettazione di un giardino che cura sono strettamente correlati alle terapia dei profumi (aromaterapia) e dei colori (cromoterapia). Gli stimoli olfattivi intervengono sul sistema limbico che elabora le reazioni e i comportamenti emotivi, regola l’affettività e l’aggressività esercitando un controllo nei rapporti con gli altri e svolgendo un ruolo importante per la formazione dei ricordi e della memoria a lungo termine. La fragranza dei fiori agisce generando sentimenti che placano l’aggressività e confortano nella malattia.
L’aromaterapia è una pratica basata sul potenziale terapeutico insito negli oli essenziali naturali ricavati dalle piante. Questi ultimi vengono classificati secondo l’impressione olfattiva che ciascuno di essi suscita.
Nota di testa: contiene oli ricavati dai frutti o dalle bucce (specialmente nel caso degli agrumi). È caratterizzata da una vibrazione che si muove verso l’alto stimolando il piano mentale. Ha un effetto dinamizzante e rinfrescante e particolarmente adatto alle attività intellettuali. Si distingue per una frequenza rapida e dinamica.
Nota di cuore: contiene oli ricavati dal fusto, dalle foglie e dalle parti aeree della pianta, come fiori e petali. Intensi e sensuali, tendono a riequilibrare le energie fisiche e psichiche agendo sull'affettività. Possiedono una vibrazione intermedia
Nota di base: contiene oli ricavati dalla corteccia e dalle radici. Calda, lenta e pesante, ha una carica vibrazionale bassa che ci collega alla terra attraverso un’azione stabilizzante, rilassante e sedativa. 

L’olfatto non è sicuramente l’unico dei sensi coinvolti dai giardini della cura e per chi non è privo della vista questa può essere ampiamente appagata e stimolata, inducendo conseguenti effetti benefici, dalla luce e dai i colori di cui l’intero giardino è permeato. 
L’effetto terapeutico del colore sull'organismo umano è legato alla natura oscillatoria delle nostre cellule, il malessere o la malattia consistono in una disarmonia del loro ritmo vibratorio e i colori posseggono un potere armonizzante e riequilibrante. Nella cromoterapia, infatti, oltre all'azione psicologica ed emotiva è possibile riscontrare anche dei benefici di tipo fisico in quanto gli organi affetti da carenze o anomalie sono in grado di operare una “selezione” dei colori assorbendo esclusivamente quelli cui lunghezza d’onda è necessaria per ristabilire la loro condizione di equilibrio.
Rosso (energia calda): È il colore con le maggiori caratteristiche di penetrazione dello spettro visibile ed è legato al fuoco, alle passioni, all'amore e alla guerra. È associato all'istinto, al desiderio e alla sessualità e rappresenta una condizione fisiologica di stimolo ed eccitazione. 
I suoi effetti sull'organismo agiscono sul cuore, aumentando il numero dei battiti cardiaci e quindi la circolazione sanguigna, nell'innalzamento della pressione arteriosa, l’aumento della frequenza respiratoria e la stimolazione dell’attività nervosa e ghiandolare. Attiva il fegato, i nervi e i sensi e ha potere decongestionante. Aiuta i muscoli ad aumentare la tensione o cicatrizzare i tessuti e i polmoni in condizioni di catarro e stati congestizi.
Gli effetti sulla psiche interessano soprattutto l’energia fisica, la volontà e la stimolazione mentale in generale.
Arancione (energia calda): È il risultato della combinazione dei raggi rossi e gialli e ha un’azione riscaldante, rallegrante ed energizzante, liberatoria delle funzioni fisiche e mentali, di integrazione e distribuzione dell’energia.
Esercita una forte azione stimolante della tiroide, è antispastico, non aumenta la pressione del sangue ma stimola il battito cardiaco e la capacità di espansione dei polmoni, ottimizza l’attività della milza. Viene utilizzato spesso in sostituzione del rosso quando si vuole evitare l'iperstimolazione e i suoi effetti sulla psiche riguardano l’aumento della serenità, dell’entusiasmo, dell’allegria e della voglia di vivere, l’ottimismo, i sentimenti positivi e la sinergia fisica e mentale. 
È utile in caso di apatia, depressione, pessimismo, paura, nevrosi, psicosi e anoressia in quanto stimolatore dell’appetito
Giallo (energia calda): Più suggestivo che stimolante dal punto di vista fisiologico risulta adatto agli sportivi perché incrementa il tono neuro muscolare e dà una maggiore prontezza di riflessi. È un ottimo depurativo del sangue, aiuta la digestione in quanto stimola la produzione di succhi gastrici e purifica l’intestino riducendo il gonfiore addominale. 
Costituente del sistema nervoso è un forte stimolatore di allegria, senso di benessere, estroversione e lucidità
Verde (energia neutra): Tale gradazione si colloca al centro tra i colori freddi e quelli caldi e ne rappresenta dunque la sintesi svolgendo una funzione riequilibratrice. 
Il verde è il colore della natura, simbolo di rinnovamento, speranza, sviluppo e fertilità. Dal punto di vista fisiologico promuove il benessere generale dell’organismo, ne aumenta la vitalità e ripristina l’equilibrio delle sue funzioni. Viene usato per curare stress, ansia, iperattività, cefalea e alcune forme di insonnia. È efficace, anche, nelle bulimie e in tutte le forme psicosomatiche che influenzano l’apparato gastroenterico (ulcera gastroduodenale). È inoltre un potente germicida e antibatterico. 
Genera calma e rinfresca la mente, esprime volontà di operare, perseveranza e tenacia. È un sedativo del sistema nervoso aiuta a combattere irritabilità, insonnia ed esaurimento
Blu (energia fredda): È il colore dell’infinito, della pace, della serenità emotiva e dell’armonia e possiede proprietà calmanti. Dal punto di vista fisiologico stimola il sistema parasimpatico, diminuisce la pressione arteriosa, il ritmo respiratorio e i battiti del cuore ed è quindi indicato per chi soffre di pressione alta, tachicardia e palpitazioni. Ha inoltre effetti antispatici, rinfrescanti, analgesici ed è utile in tutti i casi di infiammazione, mal di gola, raucedine, mal di denti, stomatiti ma anche arrossamenti e bruciature cutanee, punture di insetto e prurito cutaneo. Ottimo per sedare i dolori acuti, in particolare quelli articolari e per ridurre gli stati febbrili. Gli effetti sulla psiche riguardano l’attenuazione dell’agitazione, sia fisica che mentale ed è dunque usato per favorire rilassamento e distensione
Indaco (energia fredda): Colore cosmico dell’energia, rappresenta l’intuizione che sostiene l’attività meditativa. Per la sua alta vibrazione ha la capacità di allargare la comprensione e curare i disturbi che colpiscono gli organi sensoriali come occhi, naso, orecchie. Dal punto di vista fisiologico stimola le ghiandole paratiroidee inibendo l’attività della tiroide e ha un effetto anestetico ed emostatico. È  rinfrescante, astringente, depuratore del sangue e tonico muscolare.
Viola (energia fredda): Possiede le maggiori proprietà energetiche dello spettro visibile. Stimola la produzione di globuli bianchi, la milza, lo sviluppo osteo-scheletrico. Ottimizza anche il rapporto sodio-potassio e combatte i disturbi della vescica e dei reni. È utile contro sciatalgie e nevralgie ed è attivo contro eczemi, psoriasi, acne, nonchè ottimo cicatrizzante. 
Depurativo del sangue, rallenta l’attività cardiaca e favorisce la microcircolazione cerebrale, per questo motivo viene utilizzato per contrastare la calvizie. 
Gli effetti sulla psiche riguardano la spiritualità, l’ispirazione e la fantasia. 

I malesseri sui quali il giardino terapeutico interviene sono piuttosto comuni a molte patologie, in particolare di tipo cronico e spesso non accusate solo da soggetti affetti da un disagio ma anche da persone che potremmo definite “sane”. Tensioni, infiammazioni, ansia, depressione, dissociazione, sintomatologia degenerativa e burn out caratterizzano condizioni generalizzate di stress che influiscono sulla qualità della nostra stessa vita. La riduzione del disordine da stress ristabilisce l’equilibrio interiore che ci permette un migliore controllo delle malattie.
La natura ci insegna ad affrontare la vita e le sue difficoltà con amore, pazienza e fiducia e a prevenire le tensioni fisiche e psichiche rafforzandoci. Migliora la comunicazione, i rapporti interpersonali e la condizione di esistenza nostra e di chi ci sta intorno. In tal modo, i giardini terapeutici, diventano il palcoscenico di un nuovo benessere ritrovato e della meraviglia.

Per saperne di più:
Healing Garden. Il Giardino che Cura 

[Credit: ©Cristina Pandolfo. Non è concessa nessuna riproduzione del materiale e informazioni riportate senza esplicito consenso dell'autore]